SISROMA

SIS ROMA: TERZA IN CLASSIFICA, VINCE ANCHE A VERONA NELLA GARA 2 CON IL RISULTATO DI 12-3

La SIS Roma passa con autorità a Verona, imponendo un 12-3 che fotografa i valori palesati nella piscina veronese, una netta superiorità evidenziata dalla squadra romana che conferma il 20-7 della prima finalina (gara di andata) per il terzo e quarto posto del campionato di serie A1 di pallanuoto femminile.

 

La squadra romana si è aggiudicata, inoltre, il diritto a partecipare alla Coppa LEN (LEN Euro League).

 

Nel primi 16’ la SIS Roma ha realizzato nove reti e le venete non sono riuscite mai a concludere pericolosamente, tanto che la Eichelberger ha svolto un lavoro di normale amministrazione e non ha corso rischi concreti.

 

Dall’altra parte, invece, sopratutto nei primi minuti la SIS ha schiacciato le venete ed è stata la capitana Picozzi a rompere gli equilibri con un diagonale da fuori. Passata in vantaggio la SIS ha accelerato i tempi, mentre la Vetrocar Verona spariva di scena, due volte Ranalli (un rigore) ed ancora Domitilla Picozzi fissavano il punteggio della prima frazione di gara sul 4-0.  Nel secondo tempo si attendeva la reazione disperata delle padrone di casa, l’impennata d’orgoglio per riaprire in qualche modo l’esito del match. Invece veniva fuori la SIS che nel giro di 3’ passava sul 7-0.

 

La velocità d’esecuzione, la precisione, la determinazione facevano apparire le giallorosse una squadra di giganti, al cui cospetto il Verona appariva timido ed impacciato, il lontano ricordo di quella squadra del girone d’andata che era riuscita ad imporre il pari (9-9) alla SIS, rischiando anche di vincere. La seconda frazione si chiudeva sul 9-0 ed a quel punto la partita era chiusa già da tempo.

 

Nel terzo e quarto tempo la SIS pur continuando a spadroneggiare rallenta il ritmo martellante dei primi due tempi ed il Verona dopo 17’ di gioco riesce a segnare anche un gol, nel quarto tempo il Vetrocar Verona riesce anche a pareggiare (2-2) concludendo con onore e coraggio la sfida con la SIS. Mattatrice della gara con una cinquina è stata la Ranalli, in grande spolvero anche la capitana Domitilla Picozzi, autrice di una tripletta e bene anche la giovane Storai, due volte a bersaglio.

 

Il coach Marco Capanna, soddisfatto della prova maiuscola delle sue ragazze, tiene a sottolineare: “Volevamo andare in Europa passando dalla porta principale, oppure potevamo non andarci e fare una finale per il terzo e quarto posto deluse e senza anima oppure, nella situazione più difficile, essere una squadra compatta che gioca forte. E così siamo stati:ho visto la squadra che mi aspettavo e sono orgoglioso di questo primo passo. E’ stata una stagione difficile nel corso della quale siamo cresciuti. Ringrazio tanto il Presidente per il sostegno che ci ha sempre assicurato e questo gruppo che ha fatto tanto ed ha vinto una Coppa Italia: questa squadra è una delle fotografie più belle che mi portò dentro”.

 

Resta la sensazione che alla SIS a fine campionato manchi qualcosa, la semifinale combattutissima con l’Orizzonte Catania testimonia il valore indiscusso del team guidato da Marco Capanna, gli episodi alla fine hanno caratterizzato come sempre l’esito di questi sfide equilibratissime, la SIS riparte dal terzo posto ed è pronta a rilanciare la sfida.

 

 

TABELLINO

CSS VERONA – SIS ROMA

3 – 12

(0 – 4; 0 – 5; 1 – 2; 2 – 1)

 

VETROCAR CSS VERONA: L. Sparano, A. Esposito 1, E. Ivanova 1, N. Zanetta, P. Kempf, Marchetti, Manigrasso, R. Bianconi, A. Gragnolati 1, P. Di Maria, E. Altamura, V. Sbruzzi, G. Gabusi.

All. Zizza

 

SIS ROMA: Eichelberger, Cocchiere, Galardi 1, Avegno, Giustini 1, Ranalli 5, Picozzi 2, Tabani 1, Nardini, Di Claudio, Storai 2, La Roche, Brandimarte. All. Capanna

 

Superiorità numeriche: Verona 1/9, Roma 4/12 + 3 rig.

 

Uscite per limite di falli: Zanetta (V) nel terzo tempo, Ivanova (V) nel quarto tempo.

Note: Nel terzo tempo Avegno (R) fallisce un rigore (palo).

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *